martedì 24 novembre 2009

Pioggia d’autunno

La rosa, il marmo bianco della statua,
il cielo si sfilaccia, è un notturno
di Chopin che si spegne nella pioggia.

Sotto gli ombrelli la gente va via
e si ama e si saluta, si nasconde
dai capricci del caso e del destino.

L'autunno mostra il suo volto di fauno,
si struscia sulle gambe come un gatto
e poi rimane fuori dal caffè,
invidioso di vetrine appannate.

 

B. Smith, “Singing in the rain”

 

2008

5 commenti:

Buba ha detto...

gli ultimi versi sono meravigliosamente malinconici.... bellissima.....

Asia ha detto...

Non mi discosto mai dal mio pensiero...

DR ha detto...

Grazie, amiche... Novembre è il mese più malinconico dell'anno.

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

adoro i notturni di Chopin... un po' meno, le brume autunnali!
(bell'accostamento - mi piace!)

DR ha detto...

la musica è parte delle nostre vite, punteggia come un commento lo scorrere del tempo - qui in particolare è una sera di novembre sul Sentierone di Bergamo, il caffè è lo storico Balzer