venerdì 20 luglio 2012

Draghi d’oro

Nei draghi d'oro che infiammano il cielo
provo a leggere i giorni del futuro.
Ma incerto è il transito, si perde al limite
del tramonto, dove nuvole scure
annunciano pioggia sulle colline.
Ieri, domani, tutto si confonde
nell'hic et nunc e non so più comprendere.
Tocca vivere, tentare di vivere.

 

FOTOGRAFIA © DANIELE RIVA

 

2012

3 commenti:

Vania ha detto...

...simpatica l'analogia del drago doro...
...devo dire meno simpatica la poesia...anche se è bella.

ciaoo Vania

Vania ha detto...

...p.s....alla prima impressione io avevo visto un cuore nella foto...sarò malata !!!??????..........:))))))))

DR ha detto...

è una poesia dolorosa, e tu sai perché - è di una settimana fa... In effetti sì, a guardare bene, è un cuore!