sabato 3 luglio 2010

Seguimi, amore

“Dein, cum milia multa fecerimus,
conturbabimus illa, ne sciamus”

CATULLO, Carme V
Seguimi, amore: andiamo dove il tempo
è un languore di fiaba nella sera
e l'estate digrada tra i filari
prima di sciogliersi in mare tra le onde.
Lì, in quel luogo remoto che tu sai,
in quella terra di antichi ricordi,
scompiglieremo tutti i nostri baci
come Catullo e Lesbia per confonderli.


Donato Carlino, “Cabina al mare”

2010

4 commenti:

Buba ha detto...

O.O ma...Dani..... come sei passionale :)

Vania e Paolo ha detto...

...un amore ...difficile....ma Unico.

...molto bravo...mi piace quando metti dei riferimenti, quando non li conosco devo per forza andare a cercarli...:)
ciaoooo Vania

DR ha detto...

il carme di Catullo è famosissimo, ho voluto soltanto farlo interagire, per significare che la poesia e l'amore sono eterni...

Asia ha detto...

E' un piacere leggerti. Devota. franca