sabato 18 febbraio 2012

Tramonto di febbraio

Suonano le campane delle sei:
tramonta in cartolina l'arancione
sugli ombrelli dei pini - se ignori
le montagne con la neve potrebbe
essere Roma con la sua magia...

Ma l'arpa gelida suona la musica
del nord, scrive canzoni di campagna:
planano i corvi a mordere il crepuscolo
per issare in cielo una fredda luna.

 

ELABORAZIONE GRAFICA © DANIELE RIVA

 

2012

3 commenti:

Vania ha detto...

..."suona" la poesia.:)

...la foto sarebbe bella da ingrandire per farne un quadro.:)
ciaoo Vania

DR ha detto...

la poesia registra tutto, essendo sensoriale: colori, suoni, sentimenti, voci, odori, profumi...

Asia ha detto...

Personalmente conosco i tramonti della “Città Eterna”
Così come conosco alcuni tramonti tra gli amati monti, certo è che ha il gusto generoso
dell’immaginazione, mi pare vederli i “corvi mentre mordono il crepuscolo”.
Sempre amabile la tua Poesia. Grazie Renoir.
Asia