giovedì 26 gennaio 2017

Barche

Prendo le tue parole come barche,
quelle con l'ombrellino rosso perse
nella tazza di mercurio di un lago
così piccolo da stare nell'occhio.

E - c'è bisogno che io te lo dica? -
su ognuna di quelle barche leggere
ci siamo io e te a vellicare il cielo
con le piume azzurre dei nostri baci.

 

Barca

FOTOGRAFIA DA TUMBLR

 

2017

3 commenti:

Francesco Casuscelli ha detto...

ogni giorno un frammento di lago, di cielo, d'amore. Un frammento di te della tua poesia che si diffonde come nuvole.
Molto bella
Buona giornata

Federico Caruso ha detto...

Questa è davvero bella,peccato ch'è solo fantasia e la donna manca sempre...

DR ha detto...

è il destino di chi si trova a vivere una relazione che spesso è a distanza