lunedì 12 gennaio 2015

Città della memoria

Cambiano le città, cambiano i luoghi
come cambiamo noi - mettono pezze,
demoliscono, rifanno da capo
proprio come facciamo con la nostra
vita quando trascorrono gli anni.

E tu, città della mia gioventù,
città della memoria, adesso tremi
al vento di dicembre come donna,
lasci cadere i tuoi baci sul viso
del ragazzo che ero - come fuoco.

 

Merano

FOTOGRAFIA © IVANA2955

 

2014

4 commenti:

Francesco Casuscelli ha detto...

succede che lo sguardo nel luogo del cuore cerchi quello che ha lasciato e spesso rimane deluso di non sentire più il profumo di quel tempo.
E' molto piacevole leggere questa maliconica poesia.
Un saluto
Francesco

DR ha detto...

"La città vive in me come una poesia / che non sono riuscito a fissare in parole" -- Borges

Vania ha detto...

..molto bella..ri/splende come stella.

ciaoo vania:)

DR ha detto...

la città, come si vede dalla fotografia, è Merano