lunedì 8 dicembre 2014

Carte nautiche

Rileggo il tempo sulle carte nautiche
delle mie poesie - il capitano copia
se stesso sul nuovo diario di bordo.

Eccole lì le secche e i naufragi,
i giorni di bonaccia e di tempesta,
le isole scoperte nell’oceano,
i porti visitati lungo il viaggio.

«Come si cambia» pensa il capitano
assorto, «come ci cambia il tempo».

 

Cusick

MATTHEW CUSICK, “MYLAN’S WAVE”

 

2014

3 commenti:

Francesco Casuscelli ha detto...

se chiedesse al poeta, il capitano otterrebbe in risposta un dubbio o forse una soluzione, sicuramente tutto accompagnato con parole che non conoscono il tempo

Nota poetica molto stimolante
Un caro saluto

DR ha detto...

Grazie. Il poeta e il capitano talora sono la stessa persona

Francesco Casuscelli ha detto...

infatti, è questo il gioco della vita, chiedersi, porsi le domande per incontrare le proprie figure
Francesco