giovedì 3 giugno 2010

Scrivendo una poesia

La penna scorre sulla carta bianca,
ara i suoi solchi con lenta pazienza
o scivola veloce verso il punto.
La parola si fa dal nulla, esce
dal braccio, dalla mano, dalla penna,
è una voce finalmente visibile.
Il cuore batte sul foglio già scritto,
nei piccoli ricami dell'inchiostro.


Immagine © Pen-Usa

2010

4 commenti:

Buba ha detto...

certe volte sfiori così bene le profondità dell'anima che si fa fatica a commentarti

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Pulsa il tuo cuore
che ricama la vita,
in vergate parole.


ciao Daniele... da un po' non commentavo fra i blogs...
Sai, ieri mi è venuto di pensarti:
ero a Monte Crocetta sopra Menaggio, alla Chiesetta/Sacrario degli Alpini... la conosci?

DR ha detto...

No, Luciana, mai stato... Promette bene per qualche gita quest'estate.

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Assolutamente, sì! Imperdibile!
Ci sono stata ieri per la prima volta, ma l'atmosfera è talmente impressiva -davvero memorabile: a te che sei alpino è un'escursaione che consiglio davvero di tutto cuore (volendo, si può arrivare fin nei pressi anche con l'auto)