giovedì 11 giugno 2009

Cielo grigio di giugno

Il cielo di giugno sembra un errore,
avvoltolato in quest'aria pungente,
ridisegnato sopra i tigli in fiore.

Grigio di perla, straniero all'estate,
alle spiagge fiorite di ombrelloni,
alle ragazze sdraiate in bikini.

Le mareggiate si prendono i lidi,
cancellano chilometri di sabbia,
il vento soffia raffiche sui moli.

Guardo a Ponente, forse pioverà...

 

Jean Cheyne, “Storm clouds over Eigg”

 

2009

4 commenti:

Asia ha detto...

Hai descritto un piccolo idillio di questa Primavera bizzarra. Le stranezze e le esuberanze della sua gioventù...Grande!

DR ha detto...

Almeno adesso sembra stia uscendo il sole... Chissà. Forse l'estate arriverà davvero.

comoinpoesia.com ha detto...

Bellissimo ritratto di una stagione alquanto bizzarra - incredibili sembianze di questo giugno "nordico"!
Mi è capitato di osservare il lago e ritrovare i colori di un'Irlanda da cartolina, o di un fiordo di Svezia...

Luciana - comoinpoesia
.

DR ha detto...

Mettiamola così: avrei sempre voluto visitare l'Irlanda. ora è qui... Wahahaah! Mi viene da piangere. E Alassio non ha più la spiaggia!