venerdì 5 febbraio 2010

Poesia scritta in una sala d’aspetto

Sale d'aspetto fredde e malandate,
muri scrostati, sedili graffiti...
La vita non è che un continuo viaggio,
i giorni sono i paesi, le stazioni
che attraversiamo, i finestrini sporchi
di treni in corsa nel buio notturno.

Lo sa l'anonimo poeta che ha scritto
sul muro: “Ti amo anche se è tardi...”


  image

Fotografia © Daniele Riva


2010

4 commenti:

Buba ha detto...

... lo sa anche il pendolare da una vita, che cerca la poesia tra le pieghe di giornate apparentemente tutte uguali.....

DR ha detto...

Io non pendolo tutti i giorni, ma un paio di volte la settimana sono a Milano e conosco i disservizi... ma viaggiare è un'avventura, così come la vita

Asia ha detto...

La poesia è ovunque Ami, e per l'amore non è mai troppo tardi. Un grosso in bocca al lupo per i giorni in corsia e fuori. fm

DR ha detto...

Grazie, Asia. Sempre troppo buona. E so che anche tu sei una viaggiatrice...