domenica 18 ottobre 2009

Il giorno è stato lungo

Il giorno è stato lungo e bello, terso
come il cielo appeso alla vallata.

A mezzo il colle si levava un filo
di fumo – è tempo per i contadini
di bruciare le stoppie e foglie secche.

Non ho pensato a te neanche un momento,
anzi soltanto quando una ragazza
ha svoltato con la tua andatura.

Segno che anche dall’amore si guarisce.


Hazel Barker, “Farm near Guillaumes”

2008

3 commenti:

Buba ha detto...

La nostalgia che ci sfiora appena si contrappone al cielo terso; il bruciare delle foglie secche ci ricorda che è autunno. Ma non c'è posto per la tristezza, perchè ci accorgiamo, nonostante il ricordo di un amore perduto, di non soffrire più....

DR ha detto...

O almeno questa è la speranza... L'autunno con le sue malinconie è una stagione difficile.

Asia ha detto...

Dall'amore non si guarisce, se si guarisce - segno evidente che lì non c'era il male...ma si può ritornare ad amare con la stessa forza. E' insito nell'Uomo "amare". Ciao Renoir