lunedì 26 giugno 2017

Sul lungomare

Quanta gente laggiù - dove sarai
tu nel tramonto che arrossa la costa
e conduce nuvole di meringa
sul campanile antico? Dove sei
nella sera che accende di azzurro
le insegne della piazza? Dove sei
mentre le onde si frangono incessanti
sul lungomare come i miei pensieri?


Amalfi

FOTOGRAFIA © JON IS TRAVELLING


2017


domenica 25 giugno 2017

Tramonto di giugno

Fa male la bellezza del tramonto,
duole la sua effimera illusione,
il transito di quel tizzone ardente
sulla cappa d’afa delle montagne.

Il sole si immerge nel secchio d’acqua,
sfrigola temperando la sua sfera
che domattina risorgerà d’oro,
la quotidiana fenice dell’alba.


Giugno

FOTOGRAFIA © ROD SEEL


2017

sabato 24 giugno 2017

Nella nudità del giorno

L’alba ha sorpreso il verde delle piante
sulle strade non più deserte - tu
vai nel chiarore, nella nudità
del giorno che hai lasciato alla finestra.

Guidi nel traffico, attraversi paesi
e l’antico timore va sciogliendosi
come il gusto di mare che hai sentito
nell’aria umida uscendo di casa.


Holland

JIM HOLLAND, “TUCKED AWAY”


2017

venerdì 23 giugno 2017

E arrivi tu

E arrivi tu dall’orlo di un sogno,
sul limitare primo del mattino
quando il sole colora d’oro il mare
e sorgono nuvole di Magritte.

Ma sei reale, reale è il tuo amore
che come quel sole si leva limpido
a illuminare di te i miei giorni
e mi fa vivo nel nuovo chiarore.


Ferrara

FOTOGRAFIA © JON PAUL FERRARA


2017

giovedì 22 giugno 2017

Un punto fermo

Sei un punto fermo, una stella che brilla
nell’infinito del mio universo.

Sei il rifugio sicuro cui tornare,
la casa ospitale che ti accoglie.

Sei la base del sogno e del reale,
sei l’isola cui approdo da naufrago.

Sei il faro nelle tenebre notturne.
Sei tutto: sei semplicemente amore.


Schloe

CHRISTIAN SCHLOE, “MEET THE MOON”


2017


mercoledì 21 giugno 2017

Sera XCVII

La sera avvampa in un brontolio
di temporale - le ore consumano
il loro stoppino, fanno la posta
alla mia grigia malinconia.

Dovresti essere qui, invece sospiro
alla tua assenza e ti penso lontana
- ci fossero almeno stelle a guidare
i miei pensieri fino alla tua porta...


Sera

FOTOGRAFIA © DIANA KUTS


2017


martedì 20 giugno 2017

Vive hodie

”Vive hodie”.
MARZIALE

Non voglio più rimpianti né le azzurre
nostalgie inestinguibili che
riverberano i giorni come un mare
che si riempia di riflessi argentati.

Non voglio una guerra non dichiarata
che si protrae stanca alleggerendo
qua e là le sue bordate di ricordi
causando solo buche nel terreno.

Voglio piuttosto il vivo fiammeggiare
del desiderio, la speranza lucida
del futuro, la luce del presente.
Voglio vivere oggi. Voglio te.


Olbinski

DIPINTO DI RAFAL OLBINSKI



2017


lunedì 19 giugno 2017

Il petalo di rosa

Trasformare le amarezze in nulla,
in un sottile velo che dissolve
da sé come la nebbia del mattino
- questo è l’impegno del giorno, il compito
avanzato da questa sera azzurra.
E stirare la piega che fa male,
come il petalo di rosa nel letto
che non lascia dormire il sibarita.


Bednarek

FOTOGRAFIA © MICHAEL BEDNAREK


2017


domenica 18 giugno 2017

Fiori di tiglio

L’aroma dolce dei fiori di tiglio
ora che il velo del sole è caduto
riempie l’aria come la vecchia musica
che viene da una festa in un giardino.

Vorrei averti qui stasera, seduta
al mio fianco - non faremmo altro che
restare in silenzio a guardare il cielo
farsi rosa, tenendoci le mani.


JACK VETTRIANO, “THE INNOCENTS”


2017

sabato 17 giugno 2017

Il papavero

Secca il papavero che per te ho colto
al limitare di un campo di grano,
l'ho messo tra due fogli di giornale
perché conservi la forma nel tempo.

Così rosso è il nostro amore, ha il colore
del cuore e del sangue, la leggerezza
dei petali che vibrano nel vento.
Secca il papavero che per te ho colto.


Papavero

FOTOGRAFIA © DAY THREE CREATIONS


2017

venerdì 16 giugno 2017

Due sogni

Un tempo andavo seguendo le tracce
di un sogno assassinato - indagatore
accanito del ricordo, vivevo
nei territori brulli del passato.

Adesso inseguo un sogno vivo e vegeto
- e come il cacciatore di farfalle
che corre nei prati con il retino
un bel giorno riuscirò ad acchiapparlo...



Olbinski

DIPINTO DI RAFAL OLBINSKI


2017


giovedì 15 giugno 2017

Il giardino delle parole

“Se dovesse piovere, resterai con me?”

Come balsamo su ferite cade
la pioggia sulle nostre solitudini
- si confondono le lacrime e le gocce,
si fondono i nostri pianti, diventano
fiume che scorre e porta via tutto:
il tempo, le distanze, incomprensioni.
E non siamo più soli, non lo siamo...

“Anche se non piovesse resterei con te”.


Giardino

FOTOGRAMMA DA “IL GIARDINO DELLE PAROLE” DI SHINKAI


2017

mercoledì 14 giugno 2017

Prima o poi

“La vita è poesia da vivere
   prima o poi”.

   PHILIP LAMANTIA

Siamo sospesi tra sogno e realtà,
intrappolati in questa ragnatela
di giorni tesa tra le nostre vite.

E viviamo nella bolla di un sogno
romantico, un batuffolo di tulle
simile a quelle sfere con la neve.

Prima o poi dovremo armare cemento,
costruire su questo solido nulla.


Olbinski
DIPINTO DI RAFAL OLBINSKI


2017

martedì 13 giugno 2017

Allo specchio

“Non siamo chi vediamo allo specchio,
   siamo chi brilla nello sguardo altrui”.

   TARUN J. TEIPAL

Nello specchio la mia incompletezza
si riflette nella luce velata
dalle tende, al pari della coperta
estiva, della sedia con gli abiti.

Ma è solo un’illusione del reale,
una lettura che non sa penetrare
gli sguardi, che non può scrutare le anime
- io so che mi completo nel tuo amore.


Magritte

RENÉ MAGRITTE, “LA RIPRODUZIONE VIETATA”


2017

lunedì 12 giugno 2017

Luna Afrodite

C'è la luna nel cielo della sera,
bottone di madreperla cucito
sulla federa azzurra del Levante.

È bellissima, perfetta - un istante
di pura poesia apparso improvviso
dove curva la vecchia provinciale.

La portiamo con noi come un presagio
d'amore, questa Afrodite che nasce.


Luna

FOTOGRAFIA DA TUMBLR


2017


domenica 11 giugno 2017

I rimpianti

Dei nostri pentimenti che facciamo?
Sono emozioni oramai fuori corso,
svalutate dal passare del tempo.

Non sono che carta straccia i rimpianti,
eppure ad essi ci aggrappiamo, diamo
corpo alle ombre, luci alle parvenze.

Dovremmo volgere lo sguardo avanti,
ma non sappiamo staccarci da quella
inutile illusione di realtà.


Savage

ILLUSTRAZIONE DI ALICE SAVAGE


2017

sabato 10 giugno 2017

La notte a volte

La notte a volte penso i tuoi pensieri
- alcuni li chiamano sogni ma
invece io so che mi sintonizzo
sulla frequenza della tua anima,
dove la cicatrice che ai primordi
la separò rossa ancora duole.
Così, abbandonate le difese,
dormo e mi lascio invadere da te.


Sogno

FOTOGRAFIA © WE♥IT


2017


venerdì 9 giugno 2017

L’idillio

Io ho sempre creduto nell'idillio
- chiamatemi pure sentimentale
e sognante, chiamatemi romantico.

Mi sono sempre figurato un mondo
d'amore, tra spighe e rossi papaveri,
ho costruito i miei castelli in aria.

Lo confesso, lo faccio ancora adesso:
non è per questo che mi dite poeta?


Olbinski

DIPINTO DI RAFAL OLBINSKI


2017

giovedì 8 giugno 2017

Di questa inquietudine

Di questa inquietudine la fautrice
sei tu, inconsapevole e inconscia
- per ore e ore lasci che ti attenda.

Io tra il fuoco della ragione e quello
dell’emozione saltello cercando
di non scottarmi - ma anche quel sentiero
è un percorso di braci arroventate.

Vieni, amore, non farti più aspettare.


Hopper

EDWARD HOPPER, “AUTORITRATTO”


2017

mercoledì 7 giugno 2017

Specchi e riflessi

Specchi e riflessi d’ogni sorta popolano
le mie poesie - sono Narcisi
trascendenti che non sanno resistere
e così sfuggono dalla realtà?
Sono squarci di un’altra dimensione
che balenano per infinitesimi?
Ma impossibile è voltarsi per tempo
e sorprenderli così, nello specchio.
Restano ombre di ombre, poesie.


Bonnard

PIERRE BONNARD, “LA LETTURA”, PARTICOLARE


2017

martedì 6 giugno 2017

Talvolta i sogni ritornano

Talvolta i sogni ritornano, giungono
a distanza di tempo sotto nuove
bandiere - li avevi inseguiti a lungo
e invano, ti lasciavano la coda
tra le dita, lucertole impaurite.
Poi d'improvviso li scorgi nel buio,
un piccolo bagliore, un tenue lampo
che basta a sorprendere la notte.


Schloe

ILLUSTRAZIONE DI CHRISTIAN SCHLOE


2017

lunedì 5 giugno 2017

Viaggerò verso te

Viaggerò verso te nell'albeggiare
- il cuore conterà tutti i segreti
e come un rosario li sgranerà
ad uno ad uno, gli specchi saranno
oscurati, il mattino scioglierà
le luci sulla linea del levante
per dipingere il sole sulla costa.
Finalmente il tuo cielo sarà il mio.


Painnt

ELABORAZIONE GRAFICA © DANIELE RIVA/PAINNT


2017

domenica 4 giugno 2017

L’enigma

“Eri coperta di poesie
  tutto il tuo corpo era scrittura”.

  OCTAVIO PAZ, Versante Est

Scrivere poesie sul tuo corpo
nudo, come Octavio Paz, come tanti
altri poeti hanno sognato di fare.

Scrivere dell’amore che io provo,
dell’asfissia quando non ci sei,
del desiderio folle di abbracciarti.

E poi amarti e cancellarle tutte
perché è in te che si risolve l’enigma.


Poesie

IMMAGINE DA PINTEREST


2017

sabato 3 giugno 2017

Tu parli e racconti

Tu parli e racconti e io vedo i paesi
io vedo la gente che adesso incontri
- un'isola di sole nel mattino,
uomini e donne che vanno al lavoro,
il fiume che si allarga verdeazzurro.
Tu parli e racconti e vedo le cose
con i tuoi occhi, con questa empatia
che fa sì che io sia tu e tu sia me...


Kohn

DIPINTO DI ANDRE KOHN


2017

venerdì 2 giugno 2017

Di un incontro mai avvenuto

Non fu nulla. Fu soltanto racconto,
della mente, illusione, fantasia.
Eppure resta forte nella gola
la forma di un incontro mai avvenuto,
il bacio immaginato, solamente
tratteggiato a parole, simulato
tante volte e sezionato in replay
fotogramma per fotogramma. Resta
come un grido strozzato nel silenzio.


Webb

COLLAGE DI JOE WEBB


2017

giovedì 1 giugno 2017

Un piccolo gesto d’amore

Ho colto un piccolo gesto d'amore,
il timido cercarsi delle mani,
l'allacciarsi delle dita in un nodo,
l'impellenza quasi di appartenersi.

Ho visto un piccolo gesto d'amore
tra la folla, in fronte alla cattedrale,
e sono stato felice per loro,
felice per me che mi sento amato.


Mani

FOTOGRAFIA DA TUMBLR


2017

mercoledì 31 maggio 2017

Il tuo volto tra la folla

E cercherò il tuo volto tra la folla
come in un campo di grano un papavero
mosso dalla brezza di primavera
- non più l'ombra vanamente rincorsa,
il grigio fantasma di una memoria
inseguito sotto gli archi del tempo,
ma una vivida speranza riflessa
negli arcobaleni stesi dal sole.


Folla

ANDREW, “CUBA GALLERY”


2017

martedì 30 maggio 2017

Maggengo

Tagliano il fieno maggengo e l'estate
finalmente si sveglia negli sfalci
- la memoria naufraga in quel seccume,
mi porta insieme a mio nonno, per mano
un cesto di ciliegie e camomilla;
mi conduce sottobraccio a una timida
ragazza tra papaveri e rossori.
E l'abbandono sa di nostalgia
e di erba tagliata, dolce e amaro.



Fieno

FOTOGRAFIA © TAMA66/PIXABAY


2017


lunedì 29 maggio 2017

L’inquisitore

Hai scritto parole piene di fuoco
davanti allo specchio - fiori di luce,
variopinti pappagalli d’amore
in volo nella giungla della mente.

Hai confessato anche ciò che non hai
commesso di fronte all’inquisitore
che aveva il tuo viso - lo ha ancora
quando ti siedi a scrivere poesie.


Grant

DUNCAN GRANT, “AUTORITRATTO”


2017

domenica 28 maggio 2017

La voglia di te

Quanta è stata oggi la voglia di te
- una sete continua e inestinguibile,
una doccia scozzese ripetuta
su ogni volto di donna, su ogni angolo
di strada, ogni pensiero del possibile.
E tutto è stato così surreale,
come vissuto in stato febbrile,
abbandonata pelle di serpente.


Aesthetics

ILLUSTRAZIONE DI KATTHY HUERTAS


2017

sabato 27 maggio 2017

Poesia scritta aspettandoti

Studio la luce, il modo in cui disegna
le cose, come si staglia nel nulla
- più Hopper che Vermeer o Caravaggio -
e tu che non arrivi mi rispolveri
luoghi comuni su donne e ritardi.

Ma in realtà è il mio desiderio di te
che parla e scrive e dice stupidaggini,
per quanto incartate in endecasillabi,
ansioso di sentire sul pavé
la graziosa musica dei tuoi tacchi.


Hopper

EDWARD HOPPEER, “DOMENICA MATTNA”


2017

venerdì 26 maggio 2017

Una «lucia»

L'Adda ha lasciato il lago e scende lenta
trascinandosi dietro una “lucia”
infiorata che danza sui riflessi.

Sembra una farfalla che sugga nettare
da un fiore, potrebbe volare via
da un momento all’altro, verso i monti.

Poi il traffico torna a scorrere, scendo
verso casa portando negli occhi
la bellezza effimera della poesia.



FOTOGRAFIA © DANIELE RIVA


2017

giovedì 25 maggio 2017

Pensieri e silenzi

“I nostri silenzi le nostre parole
  La luce che va”.

  PAUL ÉLUARD

Io sono entrato in te, io sono te.
Io penso i tuoi pensieri questa sera
mentre la luce lentamente evapora
sopra le turgide rose di maggio.

E tu sei entrata in me, tu sei me.
Tu taci i miei silenzi questa sera
e imperterrita continui a sfogliare
la margherita del sole che cade.

 

Tramonto

FOTOGRAFIA © UNSPLASH/PIXABAY

 

2017

mercoledì 24 maggio 2017

L’uomo nuovo

In questo tramonto d’oro e benzina
divinare i tuoi pensieri, amore,
è un gioco facile. Ma l’uomo nuovo
che sono, quella è la vera sorpresa
- non il cowboy solitario che scruta
nell’orizzonte con lo sguardo fisso,
ma l’amante capace di dolcezza
che pone la giacca sulle tue spalle.

 

Tramonto

FOTOGRAFIA DA TUMBLR

 

2017

martedì 23 maggio 2017

Iperboli

Si nutre di iperboli il poeta ma
le sue non sono esagerazioni
- è che pone una lente sulle cose
per ingrandirle e poterle comprendere.

Così un anemone diventa un mezzo
per conoscere il gusto delle stelle,
e un bacio inviato nel vento l’essenza
stessa di tutta una storia d’amore.

 

Schloe

CHRISTIAN SCHLOE, “IL DIARIO DI DARWIN”

 

2017

lunedì 22 maggio 2017

Treviso

Treviso ha un passo d’acqua e il cuore stretto
nella storia - le ruote lente girano
mescolando insieme il canale e il tempo,
rovesciando i riflessi sotto il cielo.

L’aperitivo arancione bevuto
in Piazza dei Signori ha un gusto dolce
come la parlata di qui - diventa
già nostalgia varcando le mura.

 

Treviso

PIAZZA DEI SIGNORI – FOTOGRAFIA © DANIELE RIVA

 

2017

domenica 21 maggio 2017

Nel vortice dei giorni

Nel vortice dei giorni - così l’acqua
gorgogliando si tuffa nello scarico
nel senso antiorario dell’emisfero -
inesorabilmente verso te
vengo attratto: le cose si dissipano
o si incastrano, formano catene,
si uniscono come atomi e molecole
mentre il tempo, tranquillo fiume, scorre.

 

Tempo

ILLUSTRAZIONE © DRAWR/K

 

2017

sabato 20 maggio 2017

Convergenza di specchi

La sera oltrepassa la finestra,
invade rossa la camera, il letto...

Tu affondi i giorni sotto le lenzuola
e spieghi le grinze della trapunta
come se potessi così rimuovere
l'ansia che ti lavora sottopelle.

In questa aspra convergenza di specchi
noi chi siamo? Qual è la nostra vita?

 

Van Hove

DIPINTO DI FRANCINE VAN HOVE

 

2017

venerdì 19 maggio 2017

Due semi

Piantine nate da semi diversi,
noi ci intrecciamo, ci attorcigliamo
e i vilucchi si fanno inestricabili,
il profumo di uno è quello dell’altro,
i petali dolcemente galleggiano
sui nostri corpi senza mai cadere.
Lentamente i nostri tronchi si saldano
e da due siamo diventati uno.


 

Lovers

ACQUARELLO DI WILLOW ARLENEA

 

2017

giovedì 18 maggio 2017

Album di maggio

Le nuvole dei tramonti di maggio
hanno un gusto di pesca e di memorie
- il Custoza bevuto in una piazza,
il sole riflesso nel paglierino,
e ancora il vento che gonfiava il mare
di Lignano, il cielo fresco d'Abruzzo,
la nostalgia infinita del CAR,
il cuore che mi esplodeva nel petto
quando vidi lei nel campo di sabbia.
Ogni sera di maggio sfoglio un album...

 

Tramonto

FOTOGRAFIA © DANIELE RIVA

 

2017

mercoledì 17 maggio 2017

La memoria di maggio

Altra è la memoria di maggio, un cuore
che batte al torneo di calcio serale
e insegue un’ombra presa dal tramonto,
i suoi capelli, i suoi fianchi di donna.

O ancora le bancarelle di frutta
in una città lontana, la luce
arrossata che scendeva dai monti
struggendo ancora più l’anima ansiosa.

Non questa pioggia che sferza le fronde
e riga i vetri di malinconia.

 

Pioggia

IMMAGINE © WEIBO

 

2017

martedì 16 maggio 2017

Ho respirato i tuoi luoghi

Ho respirato i tuoi luoghi in un soffio
di vento - la città pulsava al sole
come un enorme cuore scintillante,
scioglieva i suoi riflessi nei canali,
imbandierava a festa monumenti.
Ed era come fossi lì anche tu
a sorridermi in un canto di strada,
ad allargarmi il cuore con lo sguardo.

 

Canale

FOTOGRAFIA © PICMIA

 

2017

lunedì 15 maggio 2017

Afferrare il tempo

Ho provato ad afferrare il tempo - tante
volte - a tenerlo stretto tra le dita,
a stringerlo al punto di fargli male,
ma sempre è sfuggito alla mia presa.

Ho conficcato chiodi appuntiti
negli orologi, gettato la sabbia
a manciate negli ingranaggi: sempre
è sfuggito a tutte le mie imboscate.

 

Tempo

FOTOGRAFIA © CÉDRIC BLONDEEL/500PX

 

2017

domenica 14 maggio 2017

Un’altra luna

Negli occhi il mare, nel cuore la notte,
navigo a vista sotto un'altra luna
- Odisseo alla deriva dentro i sogni,
sballottato dalle onde, naufragato
sulle tue coste, approdato al tuo seno.

Le tue mani riannodano i miei pezzi,
i tuoi occhi ricuciono i miei sguardi.
E finalmente ora mi riconosco,
i volti frantumati negli specchi
si ritrovano in quest'uomo che ti ama.

 

Olbinski

RAFAL OLBINSKI, “LUNA PIENA”

 

2017

sabato 13 maggio 2017

Lupi di mare

Mi sono perso in te, ho naufragato.
Mi sono appigliato alla tua riva,
al suono morbido della tua voce,
al canto vivido della conchiglia.

E ho ripreso il mare con te, infine,
ho veleggiato in piedi, al tuo fianco,
reggendo insieme nella rotta atlantica
dei giorni il timone del nostro amore.

 

Schloe

DIPINTO DI CHRISTIAN SCHLOE

 

2017

venerdì 12 maggio 2017

Serenata

Sono il poeta che canta davanti
alla tua porta, il menestrello che
piange i suoi amorosi lamenti
e strazia una chitarra di parole.

Sono il bardo che tesse le tue lodi
e scomoda il cielo e Venere e l'oro
per dipingerti senza dipingerti.
Sono io... ti prego, apri, fammi entrare!

 

DIPINTO DI RAFAL OLBINSKI

 

2017

giovedì 11 maggio 2017

Di un maggio lontano

Mi ha svegliato il dolce jazz della pioggia
- tace il cuculo in un nido rubato,
sonnecchia la gatta nel sottoscala.

Tutto sembra diverso nel grigiore
dell’alba, ha un sapore di ricordo,
gusto perduto di un maggio lontano.

Ho inseguito quel filo di Arianna
per ritrovare il me stesso ventenne
nell’antro impolverato dagli anni.

 

Pioggia

FOTOGRAFIA DA PINTEREST

 

2017

mercoledì 10 maggio 2017

La regina di questo cuore

Quando la sera suona la fanfara
del tramonto elevi i tuoi vessilli
d'amore e li fai sventolare a lungo.
- ma dirigi anche l'orchestra del giorno
e ti allei con i sogni per venire
a scompigliare i pensieri, a sistemarli
come vuoi, quali fiori d'ikebana.
Tu sei la regina di questo cuore.

 

Gadd

ILLUSTRAZIONE DI MAXINE GADD

 

2017

martedì 9 maggio 2017

Di un sogno raccontato

Mi fai abitare i tuoi sogni quando
li racconti - vedo con i tuoi occhi,
con le tue parole, respiro il cuoio
di una vecchia casa, passo le dita
sul legno consunto, sfoglio quei libri
impolverati come i tuoi segreti.
E passo le dita sul corrimano
e nello stesso tempo sul tuo cuore.

 

Country

FOTOGRAFIA © HAPPY MODERN

 

2017

lunedì 8 maggio 2017

Un’altra sera II

Ecco che un'altra sera irrompe lenta
negli specchi - nella calma bonaccia
della domenica non è più il vento
del ricordo a soffiare, non la sua
trama di fantasmi e di nostalgie.
Non più. Ora a tessersi è un filo di sogno,
ragnatela sottile di un domani
che contempla il tuo sguardo su di me.

 

Tramonto

FOTOGRAFIA DA TUMBLR

 

2017

domenica 7 maggio 2017

La Poesia sei tu

"Oh, la Poesia... sei tu".
-- Gustavo Adolfo Bécquer, Rime

Aggiorni i miei quaderni e i miei taccuini,
guidi la penna che traccia parole blu,
le dita che scorrono sull'iPad,
sulla tastiera nera del computer.

Sei tu la Poesia, sei tu la Musa
adesso - appari nei rossi tramonti,
o ti sveli nel chiarore dell'alba
e con dolcezza sussurri i miei versi.

 

Schloe

ILLUSTRAZIONE DI CHRISTIAN SCHLOE

 

2017

sabato 6 maggio 2017

L’anima bambina

È una bambina l’anima che soffia
sui globi del tarassaco e li vede
dissolversi in cento paracadute
- ognuno trasporta un sogno lontano
e lo lascia vagare per il mondo.
La mia ha detto “andate, volteggiate
nell’aria, arrivate fino da lei...”

 

dandelion-seeds

FOTOGRAFIA © ALLWIDEWALLPAPERS

 

2017