sabato 14 maggio 2016

Un ciottolo lanciato nello stagno

Hai sciolto il nastro e lasciato i capelli
liberi come onde sulle spalle:
è un gesto che giunge dalla memoria,
un ciottolo lanciato nello stagno
del ricordo - per un istante l'acqua
si apre nell'occhio creato dal sasso,
poi torna subito a intorbidarsi.
Eppure, in quell'immagine, piovuta
da qualche lontana sera di giugno,
soffia il vento della felicità.

 

Mariana

DAVID KASSIAN, “MARIANA”

 

2016

4 commenti:

Francesco Casuscelli ha detto...

e poi oltre all'amore, è il tormento dell'amore che vive nel poeta
Versi aperti e coinvolgenti, è piacevole "sentire il vento della felicità", è un augurio fantastico!
Francesco

DR ha detto...

come dire? La memoria della felicità è ancora felicità, ma con una venatura di dolce malinconia

Francesca Agostinelli ha detto...

hai dipinto in parole una bellissima immagine

http://istanteinparola.blogspot.it/

DR ha detto...

grazie... ho messo il tuo sito tra quelli che leggo via Feedly