lunedì 3 novembre 2014

Sulla collina

“Tutti, tutti dormono sulla collina”.
EDGAR LEE MASTERS, Antologia di Spoon River

I giorni delle memorie hanno fiori
gialli e foglie di quercia colorate
- madonne in lacrime e cristi compunti
dividono con angeli di pietra
il cielo basso e azzurro di novembre.
Qui, tra la brulla campagna d’autunno
e il duemila il confine della vita
è un monito intenso come il silenzio
rotto solo dai passi sul ghiaietto.

2 novembre 2014

 

Austria

FOTOGRAFIA © TOUR MY COUNTRY

5 commenti:

Francesco Casuscelli ha detto...

quello scricchiolio dei passi che annulla la meditazione e si avvicina con devozione alla lapide.
Piacevole poesia che sfiora sapientemente la tristezza

con ammirazione
Francesco

Marco Barsanti ha detto...

Mi hai fatto venire i brividi, perchè sono sensazioni che tutti abbiamo provato ma che avevo quasi dimenticato! Complimenti!

DR ha detto...

tristezza, malinconia, ma anche la dolcezza amara del ricordo e un rimpianto del tempo perduto vagamente proustiano.

Grazie, Francesco e Marco...

Daniele

Vania ha detto...

..la magia delle parole che fa' "scavare" silenziosamente...dentro.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

dentro di noi c’è una miniera di menorie