venerdì 16 marzo 2012

Alti cieli

E se mi libro in questi larghi spazi
e scopro alti cieli oltre le vette
dei pini dove il sole ora risplende,
il trascendente è in quei raggi filtrati
dalle chiome che schermano la luce.
Io, questo piccolo grumo di argilla
plasmato dall'universo, emergo
come un tremore di aghi nel vento.

 

FOTOGRAFIA © NICOLETTE WELLS

 

2012

3 commenti:

Vania ha detto...

...guarda ...parlavo proprio l'altro giorno con una signora "anziana"...che mistero che è la vita...un meccanismo inspiegabile...poi quando la Vale mi fa le/certe domande...ancora di più.:)))))


...intensa.
...mi piace molto questa foto accostata.

ciaooo Vania

DR ha detto...

Vania, tu sai il momento che ho passato e che sto passando. Questo bisogno interiore di rapportarmi con il trascendente deriva proprio da lì.

Asia ha detto...

La tua sensibilità ha il valore di una preghiera. Ne esco sempre emozionata e intimidita. Un abbraccio. Asia