sabato 3 settembre 2011

I versi di Catullo

Un vibrare di stelle d’oro l’alba:
accendono la lanterna azzurra
del lago, svegliano i candidi cigni
appollaiati tra i sassi della riva.
Qui, sulla passeggiata delle Muse,
mi sovvengono i versi di Catullo:
e quelle piccole creste spumose
diventano «le onde lidie del lago».
Saluto il poeta nel suo busto verde
al molo d’imbarco di Navigarda:
Gaio, ti ho sempre sentito fratello.


ALBA A SIRMIONE © DANIELE RIVA

2011

4 commenti:

Vania ha detto...

...sono di corsa...ci vediamo/leggo ..domani grande festa per la Vale...festeggiamo il suo compleanno e oltretutto è il mio compleanno.:))))))))
ciaooooo Vania

...p.s....sono DISTRUTTA !!!!:)

DR ha detto...

Ma davvero? Vania, auguroni! E auguri anche alla Vale!

Vania ha detto...

...Grazie !!!...alla Vale li farò il giorno giusto.:)
ciaooo Vania

...tra una crostatael'.......altra....:)))))))

Vania ha detto...

...e oggi si direbbe...."batti un cinque" :)
ciaoo Vania