martedì 8 marzo 2011

Tra le viole

La vita emerge dalla luce chiara
ora che il giorno sale dalle case
e il suo respiro soffia tra le viole.

La primavera è un balzo di lucertola
sulle vecchie terrecotte dei vasi:
dove passa, risveglia foglie nuove.

Mi tendo al sole, pigro come un gatto,
annusando nell'aria la magnolia.

 

Paul Landry, “Garden wall”

 

2011

3 commenti:

Vania ha detto...

...come è bella l'"espressione"..."pigro come un gatto"....me lo immagino proprio.:))
ciaoo Vania

DR ha detto...

il piacere di restare al sole, di "asciugarsi" le ossa dal freddo dell'inverno. Eh, i gatti sono furbi.

Neve ha detto...

Un bellissimo blog di poesia trovato grazie al post dell'altro tuo blog "la strada non presa" ...è il titolo che ho dato ad una mia "poesia" anzi più che poesia è un pensiero!