sabato 4 settembre 2010

Colpo di spugna

Dove il libeccio fa bianche le foglie
e porta il sale lungo le cabine
resta soltanto la lingua di sabbia,
la strada che scorre tra gli oleandri.

Non troverai i nostri passi né l'ombra
allungata delle nostre figure.
Il tempo, il lento muoversi del sole,
è passato come un colpo di spugna.

 

Fotografia © DR

 

2010

5 commenti:

Vania e Paolo ha detto...

...molto molto.

....mi ricorda ..."la descrizione di un attimo". Tiromancino

ciao Vania

DR ha detto...

devo ammettere la mia ignoranza: gruppo e canzone che non conosco... sono andato a leggermi il testo e a me ricorda a sua volta un'altra canzone, "Va tutto bene" di Enrico Ruggeri.

Vania e Paolo ha detto...

...va tutto bene !!!...:)))...il Rouge...una FORZA !!! ;)

ciaooo Vania

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

bellissimo l'incipit, sottolinea il tempo trascorso... come sabbia e sale, posati sui ricordi...

DR ha detto...

quel sale è qualcosa di doloroso, la sabbia il tempo