martedì 1 giugno 2010

Fandango

Danziamo questo fandango stasera,
è il gioco degli specchi e dei ricordi,
delle memorie riemerse dal tempo
e svanite come schiuma di birra.
Resta al mio fianco, continua a ballare
e stringimi forte quando la musica
finirà e un'altra volta senza tregua
cadremo nel silenzio della notte.



Raymond Leech, “Put on your red shoes”

2010

3 commenti:

Buba ha detto...

la magia del ballo racchiude la bellezza di istanti che affioravo lasciando una carezza di emozione fugace

Vania e Paolo ha detto...

...il ballo...un arte.
..e in questo caso anche amore.
ciao Vania

DR ha detto...

il ballo è la metafora dell'amore...