mercoledì 2 giugno 2010

E quando me ne andai via

E quando me ne andai via, mi portai
la luce di metallo del mattino,
il cielo di vanadio che ti vide
camminare sui sandali di cuoio.

A quell’estate strappai il velo lieve
di nostalgia e lo presi su di me
- nuovo Tantalo nell’orto di sera,
all’ombra rossa del pruno spinoso,
mentre volavano già i pipistrelli.

Barattai lo stare insieme e l’amore:
scelsi questo perenne voler bene
piuttosto che una felicità breve.

E ti tatuai sull’anima, per sempre.

 

Fotografia © Jeremy Hay

 

2006

5 commenti:

MeDiAmEnTe IsTeRiCa ha detto...

Bellissima

DR ha detto...

scegliere il lampo intenso o la luce tenue che dura?

Vania e Paolo ha detto...

...descrizione perfetta.
ciao Vania

Buba ha detto...

è un bel dilemma..... non saprei scegliere

Asia ha detto...

Una scorta di luce per gli anni a venire dove poter parlare ancora di Poesia.