giovedì 6 maggio 2010

La partita a scacchi

  “Perché, che altro c’è al mondo
    oltre gli scacchi?”

    VLADIMIR NABOKOV

I. Apertura

Eravamo bambini e mi insegnasti
il gioco degli scacchi nella casa
antica e fredda presso la stazione.
“Forma la mente, ti induce a pensare,
comporta scegliere e anche rinunciare”.
Era una sera d’inverno, mio padre,
tuo padre nell’altra sala parlavano
di qualche cerimonia militare.

II. Gambetto di donna

Ti ritrovai su un treno, andavi a Bergamo
a scuola, tanti giorni percorremmo
tratti di strada sullo stesso passo,
camminavamo con le nostre borse
sul lungo viale degli ippocastani
per poi dividerci sul Sentierone:
io seguivo il mio greco e il mio latino,
tu prendevi appunti di matematica.

III. Arrocco

Un giorno, tanti anni dopo, ti vidi
a Foro Bonaparte: lavoravi
per un colosso della biogenetica.
Passavi frettolosa nella via
come dimentica di me, del tempo.
Divisi qualche panchina con te
e qualche pasto parlando di viaggi,
di libri letti, di film, di persone.

IV. L’alfiere dà scacco

“Anni fa, passeggiando in una strada
dove già le mimose erano in fiore
un amico informato mi disse
che tu da poco tempo eri sposata...”

Lo seppi anch’io così, e ne ho sofferto
proprio come il poeta Nicanor Parra
e come lui ripenso a te sposata
quando fiorisce gialla la mimosa.

V. Finale di donna

Adesso sei qui, dentro casa mia,
bella nel corto giubbino di jeans,
l’esuberante timidezza accesa
da una risata fugace. Mi perdo
nel momento in cui avvicini il tuo viso,
le labbra, e cado nel bacio più dolce.
Non mi rimane tempo per pensare,
non me ne hai lasciato, il fatto è compiuto.

VI. Scacco matto

“Il re è l’unico pezzo che non puoi
prendere, devi dargli scacco matto”.
Anna, ci hai messo vent’anni per vincere
quella partita iniziata muovendo
un piccolo pedone nella casa
che non abiti più. Mosse azzardate,
errori da entrambe le parti
ma adesso per il mio re è scacco matto.

 

Fotografia © Boyce Watt

 

2002

8 commenti:

Asia ha detto...

Ricordo di averla recensita in privato qualche tempo fa...ma rileggendola non può non far bene al cuore. Magnifica.

DR ha detto...

Già. Erano i tempi di Scrivi.com. Una vecchia poesia che mi dà ancora soddisfazioni.

Ti ringrazio per l'assiduità, cara Asia...

Vania e Paolo ha detto...

...mamma mia.
Veramente una bella partita .

E come si dice..l'importante è partecipare.:)

...un mio cruccio non conosco gli scacchi...non ho mai avuto nessuno che potesse insegnarmeli, che si possa imparare da soli??
Ciao Vania

Buba ha detto...

uno scorcio di vita molto emozionante, grazie per averla condivisa .... un abbraccio

DR ha detto...

io sono un pessimo giocatore, ma mi piaceva la metafora del gioco e dell'amore. Era il tempo in cui leggevo "La tavola fiamminga" di Perez-Reverte

concetta t. ha detto...

molto intrigante e piena di vita...
l'accostamento con le mosse è geniale, a me ha insegnato a giocare mio padre, ma non sono certo una professionista.
A proposito di libri hai letto "La variante Luneburg" di Paolo Maurensig ? a me è piaciuto molto.

DR ha detto...

sì, l'ho letto, molto bello: il nazista e il deportato... una partita che dura tantissimi anni

concetta t. ha detto...

:-)