martedì 11 maggio 2010

Bergamo 2010

Nella città vestita di bandiere
ho marciato con l’anima nei piedi
e mentre l’umido entrava nelle ossa
il cuore si riempiva di calore.
“La bandie-e-ra dei tre colo-o-ri
è sempre stata la più bella, noi
vogliamo sempre quella, noi vogliam
la libertà, la libertà!”
la voce
si incrinava nel canto, l'emozione
mescolava sul viso pioggia e lacrime.


Fotografia (C) Daniele Riva

2010

6 commenti:

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

che bella è questa tua emozione, Daniele... ripensando ai nostri padri, ai nostri nonni: ai momenti in cui questa canzone era ancor più simbolo di stato d'animo e bandiera.

Asia ha detto...

Grazie per aver condiviso con noi un momento così intimo, ma che in fondo, appartiene anche a noi, per diritto alla vita, alla Patria. Un abbraccio Renoir. Bella la tua commozione. Franca

DR ha detto...

la cosa che fa più effetto è che il senso di Patria è ancora vivo e anzi aumenta: che voglia di tricolore nella Bergamo leghista...

Vania e Paolo ha detto...

Bravo...non potevi non scrivere una poesia su questo Evento.
Ciao Vania

Buba ha detto...

mi sono emozionata con voi vedendo la sfilata alla tv.... ero presente a Trieste e ad Asiago..... dico solo che vale la pena esserci, aggiungere altre parole sarebbe superfluo

DR ha detto...

sto già pensando a Torino 2011... e spero in Bolzano 2012, se sarà assegnata agli altoatesini: certi ricordi! E poi a me il Tricolore piace un sacco