martedì 27 aprile 2010

Sogno d’aprile

Aperti i calici dei tulipani
in questo aprile che odora di tiglio.
E la ragazza dell'interno 10
mi sorride e ha il tuo volto e i tuoi seni.

Ma forse è un sogno, certamente è un sogno
se adesso il cielo è diventato vetro,
se adesso il tempo trascorre all'indietro.

Canta il cuculo, la luce dell'alba
è un chiarore che filtra dalle tende.

 

Rachel Deacon, “Woman with tulips”

 

2010

4 commenti:

Buba ha detto...

i sogni a ridosso del risveglio sono più vividi e assurdi di quelli notturni e ti rimangono appiccicati più a lungo

DR ha detto...

credo siano i soli sogni che si ricordino...

Vania e Paolo ha detto...

...descrizione...molto viva...non sembra un sogno.
ciaoo Vania

nidia ha detto...

"... e lontano lontano nel tempo l'espressione di un volto per caso ti fara' ripensare al mio volto, l'aria triste che tu amavi tanto "