giovedì 18 marzo 2010

Muro di marzo

La lucertola sul muro di marzo
immobile come un antico emblema
maya, la trama del giorno graffita
sulle squame, riflessa negli occhi
neri la terra-cielo capovolta.

L'immenso si racchiude nel piccolo,
l'infinito si condensa nell'atomo,
un vecchio muro si trasforma in tempio.

 

Fotografia © Cauboi

 

2010

3 commenti:

Buba ha detto...

basta cogliere un piccolo particolare e si abbattano le barriere di tempo e di spazio

DR ha detto...

la nostra mente non conosce confini né limiti

Vania e Paolo ha detto...

...capolavoro...
esistono muri sempre ...e non esistono muri mai...
Ciao Vania