mercoledì 27 agosto 2008

Donna con velo rosso

Agita il velo rosso come un drappo
da battaglia - orifiamma di bellezza -
e gioca con specchi di nudità
- il mare la conosce tutta intera,
anche la sabbia ne serba la forma.

Abbandona al grecale quella fiamma
ed il vento la culla sulle onde.
Ora si dona al sole del meriggio,
all’abbraccio della malinconia,
dolce come l’estate che finisce.










Talantbek Chekirov, "Katharina"

Nessun commento: