lunedì 30 giugno 2008

Rileggendo mie vecchie poesie

Ti presagivo. In qualche modo avevo
coscienza di te, sapevo che un giorno
saresti stata il turbine che avrebbe
sconvolto la mia vita. Ora lo dico,
ora che dai segni di mie remote
poesie divino questa tua presenza
in tempi in cui ancora non eri in me.

Quei versi parlano come le carte
dei tarocchi, il destino era già scritto:
ti aspettavo, io ti ho sempre aspettata,
eri la squaw dei giochi di bambino,
eri la Musa ferma dietro l’angolo.

E ti incontrai in una strada di sole,
come se tutto accadesse per caso.



















Maxwell Doig, "Figure reading II"

domenica 29 giugno 2008

Desiderio del mare

Una finestra a cui arrivi l’odore
del mare – e vederlo scintillare
laggiù, oltre la balaustra della spiaggia,
calmo, solcato dalle vele bianche.

O sentirlo la notte, mormorante,
infuriato vagare tra gli scogli,
sapere che, alzandomi, ne vedrei
il bianco frangersi dei cavalloni.

Alla sua voce piana addormentarmi...


sabato 28 giugno 2008

Su questo balcone

Il giorno scivola dentro la sera,
cubetto di ghiaccio sul piano obliquo
del tramonto d’arancio e di cobalto.

Tu sei lontana come i miei sguardi
che si spingono miopi verso il mare
e frugano la tua assenza nel vento.

Giunge musica da feste in giardino:
è dischiusa oramai la porta stretta
del ricordo, della malinconia.

Portata da quelle note soffuse,
ora tu sei qui, su questo balcone,
e danzi nel soffio della memoria.




















Cristina Rodriguez, "Still life", 1996

venerdì 27 giugno 2008

Mattino d'estate

Le foglie specchi mobili riflettono
il sole alto di giugno, la rugiada
si asciuga lentamente nel mattino
tra i fiocchi di cotone delle nuvole.

Tra l’erba si rincorrono i sussurri
del vento, solo i grilli e le lucertole
riescono a interpretarne le parole.

A me resta il mistero dell’estate:
ne sento il gusto in uno stelo d’erba.
















John Horsewell, "Summer, Aix-en-Provence"

giovedì 26 giugno 2008

La farfalla

Dove posa la farfalla rossa
anche il sogno si adagia con dolcezza
e il marmo candido diventa carne.


clip_image002
Stephen Waterfall, "Mutual admiration"

mercoledì 25 giugno 2008

Anniversario

Il tempo passa e dice che ti ho persa:
lo ripete ogni giorno come un mantra,
lo grida dalle rose del giardino,
lo urla nell'arancio dei tramonti.

Il tempo passa e dice che ti ho persa:
lo so io ma l'amore non lo sa,
guarda le rose, guarda nei tramonti
e continua a sognarti, disperato.

25 giugno 2000












Mark E. Dyer, "Barcelona garden"

martedì 24 giugno 2008

Era l'età dei fiori nei capelli


Era l'età dei fiori nei capelli
e il sogno si librava nella notte
con le sue ali bianche di falena.

La luna, il mare erano cartoline
sullo sfondo perduto delle sere.
Gli abbracci, le parole non bastavano:
come lievi scintille di falò
svanivano nel cielo tra le stelle.

L'amore fu quasi rivelazione,
fiore sbocciato alla luce dell'alba.
















Giuseppe Zollo, "Va' e dagli un fiore dai miei capelli"

lunedì 23 giugno 2008

Il sole del solstizio

Il sole che declina nel solstizio
illumina di sé le vaste lande
dell’occidente - tinge d’oro e rame
nuvole gonfie di luce riflessa.

Così è l’amore che io ti ho portato:
risplende in questi giorni senza fine
del riverbero soave dei ricordi,
infiamma il gusto etereo dell’incanto
come le torri nell’ultimo sole.

Sarà breve la notte: scenderà il fresco
dalle colline a sollevare l’afa.
E il sogno caduto sugli occhi stanchi
spegnerà la mia sete d’amore.



WENDY PUERTO, SUMMER SOLSTICE

domenica 22 giugno 2008

Pomeriggio caldo

Indovinare il gusto delle siepi
dal colore improvviso delle bacche,
dal subitaneo frullo di un passero.
E interpretare il tempo che trascorre
dal soffio del vento sulle bandiere,
da un colpo di tosse lungo la via.

Così svapora il pomeriggio caldo
come una bottiglia di birra aperta
e sparge il suo aroma sul balcone.

Sulle colline, sui monti lontani
stesi ad acquarello dalla foschia,
nell'ombra lo scoiattolo starà
aprendo già le prime pigne secche.


sabato 21 giugno 2008

Sera di pioggia

Ascolto il picchiettare della pioggia
- cade o è caduta mi chiedo con Borges -
la sera buia sdoppia luci gialle
ed arrovescia sull'asfalto il bar.

Dove gli ombrelli fradici si affollano
esplodono risate come semi,
i fiori di vetro sbocciano al buio
e irradiano riflessi nel parcheggio.

Tornando, mi porto via le scie rosse
degli stop come un nuovo talismano.





















Ando Hiroshige, "Temporale improvviso
sul Ponte Ohashi ad Ataka"

venerdì 20 giugno 2008

Sera sul fiume

Le chiavi tintinnanti della sera
suonano nella gola della gazza
- si porta via il sole, monile d'oro.

La luna appesa al filo del levante
illumina paesaggi senza tempo
- ieri, domani, oggi sono voci
perdute dalle bocche degli uomini.

Dove un filo di fumo alto si leva,
l'estate avvampa tra fragili giunchi.

Il fiume scorre al mare, lentamente.



giovedì 19 giugno 2008

Amore in guerra

- omaggio a Mario Rigoni Stern -
"Era una ragazza di Venezia che ogni
estate veniva a villeggiare con i suoi".

MARIO RIGONI STERN, Quota Albania
1. Asiago

La guerra è un gelo sospeso nell'aria:
i larici , gli elmetti, le esplosioni,
l'artiglieria francese sui ghiacciai.
Ed ora sei qui, altera e incantevole,
bella come un mattino in piena estate,
ad ascoltare la banda al mio fianco,
a domandare di com'è lassù.
Dei colpi di mitraglia, dei mortai,
dei muli che salgono tu vuoi sapere,
di come si vive, come io ci vivo.
E l'emozione mi stringe la gola,
quasi non oso guardarti, parlarti.
Domani la guerra riprenderà
e non so credere alla tua promessa
che verrai alla stazione a salutarmi.

2. Korça

Terra straniera, terra inospitale:
pallottole, granate, minareti.
Nello zaino fangoso l'Odissea,
una fotografia nelle sue pagine.
E in quel riquadro sorride altera
una ragazza di Venezia: tu.

Ho parole da dirti: dal mio cuore
sgorgano come una fonte, parole
che non ho mai osato pronunciare.
Ma non ci sono fogli o cartoline,
nessun postino le può consegnare:
soltanto guerra e infinita stanchezza.

3. Colle del Mushkes

Una cartolina ha poche parole
da dire. E come raccontarti che
il ghiaccio ci gela le dita e la fame
ci prosciuga le idee: ho mangiato ghiande
e pannocchie di mais rubate a un campo.
Come parlare d'amore a matita
con la gavetta che fa da scrittoio?
Una cartolina solo per dire
che sono vivo, che mi lascio vivere.

4. Tegia Duskut

Neanche le fiamme riescono a scacciare
il freddo, neanche la grappa bevuta.
Ci prova quella lettera azzurrina
con la calligrafia tonda e minuta
che dice con eleganza la vita
che continua di là dal mare, a casa.

E vedo la Laguna, quei balconi,
la tua stanza, le tue mani aggraziate.
Ma poi uno schiocco del fuco mi desta
dal sogno, mi riporta qui e le fiamme
non riescono a tener lontano il freddo.

5. Tegia Duskut, Natale 1940

È Natale, la neve cade fitta
e la malinconia mi stinge l'anima.
Una lettera, sogno una tua lettera
che mi riscaldi, che mi dica di te,
di Venezia, i mosaici e le candele,
l'atmosfera che respiri a San Marco,
che dica di ragazze, delle amiche,
di come passi il tempo in questi giorni.

È Natale, la neve cade fitta
e la malinconia mi stringe l'anima,
la posta non è neppure arrivata.

6. Valle del Devoli

Non scriverai più. Le buste azzurrine
non spiccheranno liete tra la posta.
Pressioni, le stupide convenzioni
per sempre ti allontanano da me.
Dicono che sei malata e non sai.

Ma sparano, di là dal bosco sparano
ed io con il fucile e le granate
mi inoltrerò tra gli alberi e vedrò
un'altra vita nascere dal fuoco
che arde le lettere di quell'amore.

19-29 dicembre 2001















Cartolina in franchigia italiana

da "Cime e trincee"

mercoledì 18 giugno 2008

Etna

Dalla lava di secoli riemerge
la vita sotto forma di carrubo.
La natura è paziente, non ha fretta.

Un uomo, sul margine della strada,
vende pistacchi - ne ha sacchi nel baule
della sua centoventisette verde.

I negozi di souvenir qui vendono
il liquore rosso fuoco dell'Etna:
zucchero, alcol e peperoncino.

A me basta portare via il ricordo
di questi crateri che ancora fumano,
delle case inghiottite dal vulcano.

E bere il vino aspro della memoria.


martedì 17 giugno 2008

La promessa della felicità

Una crepa nel muro, una fessura,
un covo nella corteccia di un rovere
la tua assenza che si fa presenza.

E come notte avvolge il planisfero,
i monti cupi e i fiumi di cobalto,
le pinete che sono la mia vita.

Guardo lontano con la mia lucerna:
in ogni momento spero di scorgere
il balenare della tua bellezza.









Foto: Steve Bloom

lunedì 16 giugno 2008

Plasmando la sostanza del tempo

“Di ciò che fu rimane
una voce sospesa.”
ALESSANDRO PARRONCHI
Scendi verso la spiaggia, lentamente:
i miei ricordi ti vogliono lì.
E nelle ciabattine bianche i piedi
falli danzare con dolce apatia,
gemelli al dondolio della tua borsa
che poggia sulla spalla come il tempo.

Prosegui sotto le chiome dei pini,
ritrova il luogo dove ci dicemmo
la prima volta amore mio e per sempre
(per sempre almeno nella mia memoria,
simile a lastra impressionata, quelle
delle antiche macchine fotografiche).

Poi con un gesto vago delle mani
scompiglia le nuvole sul pontile,
aggiorna le bandiere al vento caldo
e fai in modo che il mare sia un po’ mosso
- come piace a me, sembri quasi oceano,
mi simuli l’amata California.

Ed una volta giunta lì, fai pugni
di sabbia e lasciali cadere al vento
per valutarne il senso ed il tuo tempo
(c’è sempre un po’ di vento nel ricordo,
anche se non saprei dire da dove
soffi, se sia il libeccio o sia il grecale).

Ascolterò le tue parole attese
come se io fossi lì e la tua voce
giungesse nell’eco della risacca.
Saprò già prima che tu apra la bocca
che cosa udranno le mie orecchie stanche:
il mio nome scivolerà nell’aria.

Ed io - da molto lontano, nell’ombra,
un voyeur rintanato nel passato -
mi muoverò per venirti incontro.
E sbatterò nel vetro del ricordo,
ridestandomi con nuove ferite,
riducendo in frantumi tutto il sogno.





















Jack Vettriano, "Sweet bird of youth"

domenica 15 giugno 2008

È la poesia

Tormento è la poesia, ragionamento,
filo che si dipana e si districa
- ogni poeta è Teseo nel Labirinto.

Il dubbio è la poesia, la sofferenza,
luce che fora il buio tra le rocce
- chi scrive versi emerge dalla terra.

Ma dolcezza è alla fine la poesia,
quando diffonde l’emozione intorno
come un soffione disperso nel vento.


sabato 14 giugno 2008

Notte di guardia

La gazza dalla lunga coda bianca
sorvola i pinnacoli e le caserme
pallide con la medesima grazia.
Sul lungofiume le ragazze in festa
rideranno leggere al vento caldo,
scuoteranno i capelli nella sera.

Ora che scende il buio, le colline
cambiano colore, si fanno piombo
alla luce metallica di luna.
Osservo il vuoto per passare il tempo,
sento i caricatori nelle tasche
bruciare come ferite di lama.

Poi, d’incanto, le colline si accendono,
fuochi lontani disegnano croci
e cuori sui pascoli del Tirolo:
fiammeggiano nel buio tremolanti,
sembrano dirmi “In hoc signo vinces”
come all’imperatore Costantino.

Arriva il capoposto per il cambio
e gli brillano negli occhi quei fuochi,
li guarda ipnotizzato, si dimentica
di far avanzare la sentinella.
Una notte così avrebbe fermato
due eserciti sul campo di battaglia.


clip_image002FOTOGRAFIA (C) SUEDTIROLERLAND


NOTA: in Alto Adige è tradizione che la seconda domenica dopo il Corpus Domini si accendano fuochi in ricordo dei Tirolesi caduti nelle aspre battaglie contro le truppe degli invasori napoleonici.

venerdì 13 giugno 2008

Così scende la notte senza amore



“Non si ama bene che una sola volta:
La prima.”

JEAN DE LA BRUYÈRE

Così scende la notte senza amore
e fuochi fatui di malinconia
divampano azzurri nella memoria.

E il tempo passa sugli anniversari
sacca di plasma nelle mie ferite,
la linfa che rinnova l’emozione.

Il cielo replica quel pomeriggio,
ogni anno rimpiango, mi abbandono
al sogno, che è gemello del ricordo.















George Birrell, "Smuggler Moon"

giovedì 12 giugno 2008

Ricordi e sogni

Inargento pacchetti che regalo
al mio mattino - questi giorni grigi
e soffocanti come un solleone -
non sono doni ma i ricordi soliti
vestiti a festa senza alcun motivo.

Coccolo la mia vecchia solitudine
- tu sei lontana come una canzone,
e forse piove dove vivi tu,
magari avanzi per strade di ombrelli.

Continuo a fondere ricordi e sogni,
la fantasia si nutre del passato
- come l'olio e l'aceto si emulsionano
ma non si mischiano, ieri ed oggi.














Joani, "Lost in Dreams II"

mercoledì 11 giugno 2008

Città amata dai poeti

“Forse qui la mia diletta
rifiorirebbe all’antico piacere
di vivere.”

UMBERTO SABA, Tre Vie
Camminerai per le vie luminose
della tua città amata dai poeti.
E non porterai in te il mio ricordo
per le strade che salgono dai moli
e conducono ad antiche osterie.

È sbiadito oramai come una stampa
lasciata al sole: se vi penserai,
sarà solo per caso, per istanti.
Il vento che soffia sovrano almeno
lo portasse via: sarebbe più facile
sapere l’ultimo filo reciso.

Il tempo è un farmaco, nel senso greco:
è il mio veleno, è la mia medicina.
Risana la ferita, la rimargina
e poi con un coltello la tortura.
Il pozzo non ha fondo e vi precipito,
ne perdo l’orizzonte, è un labirinto...

Camminerai pensando ai versi amati,
li reciterai con la bocca chiusa,
mormorandoli come una preghiera.
E non ti sovverrà di quando dissi:
“Un giorno tu mi dimenticherai”.

16 ottobre 2003



















Elizabeth Drayton, "French Street scene"

martedì 10 giugno 2008

Di notte

“La notte, amata, ormeggia
il tuo cuore al mio.”

PABLO NERUDA
È di notte, amore, che fai ritorno.
È di notte che risuona il tuo nome
e l’eco dei tuoi passi tutt’intorno
si spande lieve, perché tu sei come

la nave che circumnaviga il giorno
per approdare lanciando le gomene
a questo mio porto aspro e disadorno
avvolgendo al mio sogno le tue chiome.

E mi abbandono al sonno con speranza,
mi immergo nella liquida passione
che come nutrimento risolleva.

Attendo la tua visita, la danza
delle immagini con la devozione
d’assetato che finalmente beva.





















De Loustal, "Around midnight"

lunedì 9 giugno 2008

Dove il mare

Dove il mare diventa te riflette
l'azzurro luminoso del bikini.
Ed ogni notte ugualmente rispecchia
il disco bianco latte della luna.
E ne sono geloso un po', guardandoti
nuotare dove il mare si fa cielo,
invidio questa sua capacità
di averti tutta intera, anche i colori
del costume minuscolo che indossi.

Giugno 1999




















Croci, "Walking the nose"

domenica 8 giugno 2008

More

Raccolgo more lungo il verde fiume
che scivola leggero verso il mare,
e come ti somigliano: sanguigne
sotto la scorza morbida e pulita,
lasciano tracce rosse sulle mani
amare e dolci nello stesso tempo,
come l’amore, proprio come te.
E con le spine come mi feriscono!

Agosto 2001 



sabato 7 giugno 2008

Se viaggi

Se viaggi per strade che non conosci
ogni segnale ti conduce altrove
- sofférmati a guardare i monti in quinta,
il teatro solitario della spiaggia.

Lascia i tuoi passi su quella battigia,
su quello spiazzo erboso che digrada.
Osserva il volo lieve dei gabbiani,
copia la libertà delle loro ali.

Ascolta la conchiglia silenziosa:
quel rombo di onde è la voce del cuore
che ti dice di sorbire la vita,
di cogliere il giorno come una mela.


venerdì 6 giugno 2008

Un punto cieco

C’è un posto dove la memoria svolta
lasciando di sé solo un punto cieco
- lì s’annida il cecchino come vipera,
l’oblio che s’incarna nel mai accaduto.

Ma tu che conoscevi le sue forme
le mormoravi quasi in litania,
ne facevi breviario nel salire
le strade ripide e curve del giorno.

E adesso quell’assenza che sconfina
nel nulla ti sgomenta più del tempo,
acuminate punte che tu sfiori
con la mano sentendone già l’aspro
sapore denso di sangue e di ferro.

17 aprile 2006















Nick Palmer, "Brighter days"

giovedì 5 giugno 2008

La scia di un aeroplano

Seguo la scia di un aeroplano, bianca
gugliata che cuce il cielo serale.
Se sogno di partire non lo mostro,
se negli occhi ho le Maldive o Bangkok.

Dove ribolle il crogiolo di nuvole
pulsa il cuore nero della città.
Il graffio candido è svanito subito,
come il mio sogno di isole lontane.



mercoledì 4 giugno 2008

Mattino di giugno

Il vento muove le foglie dei tigli
e i fragili steli di camomilla.
Il mattino di giugno si condensa
nel volo dei passeri sui papaveri,
è un'aspra voce giunta da lontano,
smorzata dal passaggio di automobili.

Il miele dei ricordi non è dolce:
ha il gusto amaro di quelle parole
di donna urlate al cielo da un giardino.
Ma resto qui seduto ad osservare
la macchina che pulisce le strade:
il passato così non si cancella.

13 giugno 2005

















June Dudley, "Rachelle's garden"

martedì 3 giugno 2008

In questo mare che tu sei

In questo mare che tu sei io entro,
in questo salso vivere d’amore,
e mi sembra di esistere per te.

Di questo fuoco che tu sei mi nutro,
di brace che cova sotto la cenere,
rossa come la fiamma delle labbra.

E l’erba cresce lungo le scarpate,
e l’acqua scorre tra le verdi sponde,
il tempo passa ed ha la tua voce.













Katsushika Hokusai, "La grande onda di Kanagawa"

lunedì 2 giugno 2008

Lontane sere di giugno

Progettavo orizzonti camminando
al tuo fianco quelle sere di giugno.
Le luci dei negozi erano oasi
gialle, pozze di vita nel deserto:
mi ci perdevo scrutando il tuo viso.

Non lo sapevo allora che il futuro
è un regno senza padrone o monarca,
che il demiurgo ha plasmato già la creta.
Avrei dovuto capirlo guardando
il cielo esplodere di fiori rossi.













Foto: Digihound L.L.C.

domenica 1 giugno 2008

Sognante

E se socchiudi gli occhi ti riscopro
sognante - guardo l'armonia del viso,
il naso ben disegnato, le labbra.

È una foglia di menta la memoria,
la mastico e ne sento il gusto forte,
nella mia mano racchiudo la tua
come un ricamo di felicità.

La lavanda, la pioggia, il mattino
aprono un orizzonte nuovo fuori.
Ancora sogni, sei lontana adesso,
altri mondi, altre avventure vivi.

Ma ti mescoli a questo vento di maggio
e mi doni il tuo profumo di rosa.
















John Godward, "Reverie", 1910